Le lacrime di Emma Bonino all’approvazione ieri, in Senato, del testamento biologico almeno erano sincere. La vecchia leader radicale, a differenza di tanti ingenui, sa difatti benissimo cosa significa l’approvazione delle DAT, le Disposizioni Anticipate di Trattamento: dall’eutanasia omissiva a quella attiva, e da quella attiva al suicidio assistito, e dal suicidio assistito per un male incurabile a quello per depressione o perché non ci si trova a proprio agio – che so – con tecnologie e email, come accaduto a un’insegnante britannica recatasi in Svizzera proprio per questo motivo, il passo è brevissimo (la notizia di quest’ultimo fatto la riportò Repubblica il 7 aprile 2014).

Ammesso e non concesso, quindi, che il biotestamento garantisca la libertà dell’individuo, non c’è proprio nulla – per chi abbia a cuore l’umanità – di cui rallegrarsi. Può invece rallegrarsi fino alla commozione il mondo radicale che non solo, tra aborto e adesso eutanasia, può ora meglio perseguire l’obbiettivo del «rientro dolce» della popolazione sulla Terra a 3 miliardi, ma dimostra di riuscire, pur intonando da decenni sempre lo stesso ipocrita ritornello dei diritti, a farsi prendere sul serio. Non chiedetemi come sia possibile, ma è così. Ragion per cui, fin quando non si capirà che tanti che oggi blaterano di libertà in realtà odiano l’uomo e lavorano per sua estintiva autodistruzione, temo vi sia davvero poco da ridere.

Giuliano Guzzo

*****

«Un passo gigantesco oltre la sociologia» (Tempi)

«Bellissimo libro» (Silvana de Mari, medico e scrittrice)

«Un libro che sfata le mitologie gender» (Radio Vaticana)

«Un’opera di cui ho apprezzato molto l’ironia» (S.E. Mons. Luigi Negri)

«Un lavoro di qualità scientifica eccellente» (Renzo Puccetti, docente di bioetica)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

Annunci