C’è voluto del tempo, lo ammetto, ma alla fine ce l’ho fatta, ci sono arrivato. Ho capito cosa cela l’acronimo DAT, che i più credono stia per disposizioni anticipate di trattamento mentre invece sta per altro: dichiarazioni di alto tradimento. Tradimento della realtà, per essere precisi. Tradisce difatti la realtà l’idea che un cittadino, qui e ora, possa assennatamente immaginare le proprie volontà terapeutiche in un futuro indefinito, quando avrà cambiato idea venti volte e cure oggi inimmaginabili saranno disponibili e di provata efficacia. Tradisce, anzi umilia la professione che fu di Ippocrate la riduzione del terapeuta a burattino esecutore non di indicazioni, bensì di ordini su terapie o omissione delle stesse che il cittadino potrà redigere senza neppure consultare un medico, i cui studi verranno così parificati a un giretto su Google. E che dire, poi, del totale tradimento della realtà delle cose, determinato dall’inclusione di alimentazione e idratazione fra le terapie rifiutabili? Me lo chiedo pensando alla faccia che farà il mio medico, quando – grazie alla legge votata oggi in Senato – a breve mi presenterò per farmi prescrivere due fette di pandoro.

Giuliano Guzzo

*****

«Un passo gigantesco oltre la sociologia» (Tempi)

«Bellissimo libro» (Silvana de Mari, medico e scrittrice)

«Un libro che sfata le mitologie gender» (Radio Vaticana)

«Un’opera di cui ho apprezzato molto l’ironia» (S.E. Mons. Luigi Negri)

«Un lavoro di qualità scientifica eccellente» (Renzo Puccetti, docente di bioetica)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

 

 

Annunci