Libertà o non libertà, questo è il problema: lo scontro con la minaccia del terrorismo islamista, da diverse angolature e osservatori di vario orientamento, viene ridotto a questo dilemma, nella consapevolezza che proteggere simultaneamente la libertà e i cittadini, quando si ha che fare con jihadisti al volante pericolo costante, non è cosa possibile. Bisogna scegliere. Un dilemma che è giusto siano i politici a risolvere, ma accanto al quale vorrei ricordare un aspetto che a troppi, oggi, pare sfuggire: l’Occidente e l’Europa, che ne è il suo giardino culturale, sono molto di più della libertà. Questo perché – per importanza, oltre che cronologicamente – il Cristianesimo viene prima dell’Illuminismo, Tommaso d’Aquino di Voltaire, Boezio di Mill. E chi ne dubita, si faccia pure un giro in Arabia Saudita. Noterà che, a mancare, laggiù, non sono tanto le passeggiate all’aperto, le università, i ristoranti, i bar e tutto il ciarpame che, troppo spesso, eleviamo a vessillo di civiltà, ma i campanili. Ricordiamocelo.

Giuliano Guzzo

*****

«Un passo gigantesco oltre la sociologia» (Tempi)

«Bellissimo libro» (Silvana de Mari, medico e scrittrice)

«Un libro che sfata le mitologie gender» (Radio Vaticana)

«Un’opera di cui ho apprezzato molto l’ironia» (S.E. Mons. Luigi Negri)

«Un lavoro di qualità scientifica eccellente» (Renzo Puccetti, docente di bioetica)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

 

Annunci