angela

Non sempre le leggende metropolitane sono davvero tali. A volte contengono parti di verità o addirittura una verità tutta intera. Come quella – triste ma non certo sorprendente – riferita da una ricerca a cura dell’Antidiskriminierungsstelle des Bundes, l’Ufficio federale contro le discriminazioni, secondo cui gli Italiani sono fra i tipi di persone che i cittadini tedeschi sopportano meno, anticipati solo da nomadi, musulmani, richiedenti asilo, europei dell’est, neri ed ebrei. In verità le percentuali di tedeschi che ammettono di non sopportarci (altri magari lo pensano, ma non lo dicono) sono assai ridotte – il 5% pensa che non siamo diversi dai Rom, il 3% ritiene i nostri stili di vita incompatibili coi loro e l’1% ci vorrebbe neppure come vicini di casa –, senza dimenticare che si tratta di un’antipatia storica e in larga parte, credo, ricambiata. Però si tratta di numeri che fanno comunque un certo effetto e che non ci lasciano tranquilli dal momento che se da un lato è vero che l’antipatia verso gli Italiani – almeno ufficialmente – interessa una parte trascurabile della gente di Germania, d’altro lato non esiste alcuna certezza che la cancelliera Angela Merkel, dalle cui volontà tanta parte del nostro destino economico dipende, non sia fra coloro che non ci sopportano. Possiamo solo augurarci che così non sia e, nel frattempo, sperare che l’Ufficio federale contro le discriminazioni non effettui nuove ricerche. Basta così, grazie.

Annunci