E’ in programma per domani, martedì 10 luglio, a Roma, in piazza San Pietro e poi davanti Montecitorio, una giornata di digiuno in solidarietà con i migranti e contro, leggo, le politiche migratorio del governo «incompatibili con il Vangelo e con la Costituzione», come spiega don Alessandro Santoro (non sapevo che avessimo preti costituzionalisti). A guidare il tutto, col digiuno di alcuni religiosi che dovrebbe protrarsi 10 giorni con un presidio davanti a Montecitorio dalle ore 8 alle 14, padre Alex Zanotelli, il comboniano arcobalenato.

Ora, a proposito di migranti mi chiedo se, nel corso di questi digiuni, verranno ricordate anche le quasi 1.000 vittime (182 morti e 814 feriti) degli attentati terroristici organizzati e realizzati da richiedenti asilo in Europa. Mi chiedo pure se, per caso, verrà speso un minuto uno per Pamela Mastropietro. Ancora, a proposito di Africa e precisamente della Nigeria mi chiedo se ci sarà, nell’iniziativa per rompere l’indifferenza, chi romperà il silenzio sugli oltre 200 cristiani uccisi, solo da giugno, dai musulmani Fulani. Mi chiedo, mi chiedo…ma cosa me lo chiedo a fare.

Giuliano Guzzo

******

«Un utile strumento di contro-decostruzione della narrativa post-moderna» (InTerris.it)

 «Una preziosissima miniera di dati per articoli e per discussioni. Veramente imperdibile» (Silvana De Mari)

«Un libro splendido, fatto molto bene» (Diego Fusaro)

…Ordinalo subito su Amazon!

 

Annunci