svegliati

 

 

 

 

 

Certi che all’indomani del Family Day, comunque vada, prenderà avvio una spietata lotta di numeri per spiegare come, in realtà, i partecipanti alla manifestazione fossero infinitamente meno di quelli dichiarati dagli organizzatori, quei mascalzoni, facendo le pulci alle loro stime, ricambiamo subito – senza polemica alcuna, sia chiaro – il favore guardando alla manifestazione di ieri a favore del ddl Cirinnà, “SvegliatiItalia”, presentata da diversi mass media come un autentico trionfo. Ebbene, partiamo da quanto dichiarato da Piazzoni (Arcigay): «Un milione di sveglie che suonano da tutto il Paese: il Parlamento le ascolti».

Un milione di sveglie? No, scusate. Un attimo. Piano. Ieri i sostenitori delle unioni civili hanno riempito 98 piazze (7 erano all’estero, e sarebbe bello vedere con che oceaniche adesioni). Ora, la piazza più gremita pare fosse quella di Torino con 7.000 presenze (a Milano i partecipanti erano 5.000). Questo significa che, anche nell’ipotesi fantascientifica che tutte le 98 piazze fossero piene come la più piena – ma siamo, ripeto, nella pura fantascienza -, al milione di sveglie mancherebbero comunque oltre 300.000 partecipanti che nessuno può aver visto da nessuna parte. Lo stesso amore, dunque? Bene, allora le stesse pulci. Un consiglio: la prossima volta sparatela più piccola.

giulianoguzzo.com

Annunci