morti

 

 

 

 

 

 

C’è un giallo realmente inquietante che, in questi ultimi giorni, sta sempre più attirando l’attenzione sia dei mass media sia degli statistici: quello delle morti rilevate in Italia nel 2015, in consistente aumento rispetto al 2014. Per la precisione, nei primi otto mesi del 2015 vi sono stati 45.000 morti in più rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno, con un incremento percentuale pari all’11,3% che – se la tendenza risulterà costante, confermando così le proiezioni – vedrà complessivamente, per quest’anno, ben 68.000 decessi in più. Per rendere l’idea di cosa si sta parlando, è come se quest’anno una città come Viterbo, Potenza o Trapani fosse stata rasa al suolo.

Come mai? Quale potrebbe essere la causa di questo preoccupante aumento di morti? Diciamo subito, almeno per sgomberare il campo da risposte semplicistiche, che con ogni evidenza il fenomeno presenta un’origine multifattoriale e l’invecchiamento demografico, da solo, non basta a spiegarlo. Il tal senso, diversi esperti hanno avanzato anzitutto l’ipotesi che l’allarme nei confronti dei vaccini anti-influenzali – allarme poi rivelatosi privo di fondamento – abbia, a causa dell’influenza, generato un incremento delle morti pari circa ottomila unità. Il dato potrebbe essere attendibile, ma il nostro interrogativo rimane sostanzialmente immutato: le rimanenti 60.000 morti a cosa sono dovute?

infarto

 

 

 

 

 

 

Dai dati ISTAT del 2012, sappiamo che le principali cause di morte, in Italia, sono le seguenti: malattie ischemiche del cuore (12,2%); malattie cerebrovascolari (10%); altre malattie del cuore (7,9%); tumori maligni della trachea, dei bronchi, dei polmoni (5,5%); malattie ipertensive (5,1%); demenza e malattia di Alzheimer (4,3%); malattie croniche delle basse vie respiratorie (3,6%); diabete mellito (3,5%); tumori maligni del colon-retto (3,1%); tumori maligni del seno (2%); tumori maligni del pancreas (1,7%); tumori maligni del fegato e dei dotti biliari intraepatici (1,6%); malattie del rene e dell’uretere (1,6%); tumori maligni dello stomaco (1,6%); influenza e polmonite (1,6%).

Ora, non è difficile, dinnanzi a siffatti elementi, concordare col sociologo Massimo Introvigne quando ipotizza, nell’aumento delle morti registrate nel 2015, un ruolo significativo in tal senso dei recenti e crescenti tagli alla sanità: «Supponiamo, per esempio, che un medico sospetti un tumore al cervello e per accertarlo disponga una tomografia computerizzata del capo. Apprendiamo dal sito della Regione Lazio che chi avesse prenotato la tomografia nel novembre 2015 avrebbe dovuto attendere 315 giorni a Latina e 329 nel distretto II di Viterbo. In molti casi, se davvero avesse sofferto di cancro al cervello, sarebbe stato convocato per la tomografia dopo essere già morto» (LaNuovaBussolaQuotidiana, 29.12.2015).

anziani-caldo

 

 

 

 

 

 

Non credo andrebbe neppure trascurato – nel nostro ragionamento – il caldo eccezionale di quest’estate, che potrebbe aver contribuito in modo importante al dato clamoroso dell’aumento delle morti. Del resto, a suffragare il possibile peso dell’estate 2015 nel bilancio definitivo delle morti si può ricordare quanto rilevato nella vicina Francia dove, per esempio, fra il 29 giugno e il 9 agosto di quest’anno – rispetto a quanto rilevato nel 2014 – si è registrato un aumento delle morti pari al 6,5%. E’ dunque più che plausibile che l’estate di quest’anno abbia causato, anche in Italia, un forte aumento del numero dei decessi. Altri ancora, per esempio Beppe Grillo, hanno chiamato in causa, a proposito dei 68.000 morti in più, l’inquinamento atmosferico.

Tuttavia è bene ribadire che si è nel campo delle ipotesi giacché come ha specificato il demografo Gian Carlo Blangiardo – che ha contribuito ad attirare l’attenzione sull’aumento delle morti nel 2015 – «non potendo ancora disporre dei dati puntuali sull’incidenza dei decessi per singola età e per genere […] La questione resta […] aperta». E a ben vedere, più ancora dei tanti morti in più, ad allarmare è l’atteggiamento della politica, finora del tutto indifferente dinnanzi un fenomeno che potrebbe assumere contorni ancora peggiori quando emergeranno, per il 2015, i dati definitivi delle nascite (già nel 2014 si verificarono cinquemila nascite in meno rispetto al 2013). Se venisse confermato che gli italiani stanno – letteralmente – scomparendo, il problema attirerà l’attenzione di qualcuno? Oppure continueremo ad occuparci solo dello smog di Milano?

gulianoguzzo.com

Annunci