Sante

Nessun commento stavolta, nessuna critica o recensione. Questo, cari amici, è un appello che nasce da un piccolo dramma familiare conseguente allo smarrimento, da parte del mio cuginetto, del suo orsacchiotto preferito, che potete vedere in fotografia. La sfortuna è tale che non soltanto “Sante” – così è stato ribattezzato il finto plantigrado, ma il suo vero nome e la marca, purtroppo, sono sconosciuti – è stato perso, ma pure la persona che a suo tempo lo comprò, a quanto pare, non ricorda con certezza dove fece l’acquisto. Chi ha un figlio, un nipote o, come nel mio caso, un cugino piccolo, può immaginare quanto una cosa simile, a prima vista insignificante, possa pesare.

Anche perché, benché possa apparire impossibile, l’orsacchiotto (anche se forse sarebbe più giusto definirlo orsetto, date le dimensioni davvero contenute) non si trova e Filippo, due anni compiuti l’altro giorno, non si dà pace, oscillando fra la spensieratezza e lo scarso entusiasmo, per così dire, verso gli orsacchiotti regalatigli in sostituzione di quello che, neppure dopo aver girato fior di negozi, genitori e zii hanno saputo rintracciare. Se qualcuno avesse modo di farmi sapere dove e come rimediare una copia di “Sante”, farà la felicità del mio cuginetto e la serenità della sua famiglia, ormai rassegnata ad un ritrovamento che si fa ogni giorno più difficile. Grazie, e buona domenica!

Annunci