Neppure adesso, che l’ipotesi del decesso per overdose pare definitivamente tramontata, per la povera Pamela Mastropietro – fateci caso – si parla di “femminicidio”. Come mai tanta, irrituale prudenza? “Femminicidio” è solo quando una donna viene accoppata dal proprio ex, altrimenti il delitto è trascurabile? O forse in si è autorizzati a impiegare il termine “femminicidio” solamente se il sospetto è di nazionalità italiana? Un dubbio, il secondo, che sembra suffragato da precedenti. Come quello di Ashley Olsen, statunitense trovata nel suo appartamento a Firenze il 9 gennaio 2016: il suo assassino, un senegalese con precedenti per spaccio di droga, è stato individuato e condannato a 30 anni.

Ciò nonostante allora, come per il caso della diciottenne romana uccisa e poi smembrata, il “femminicidio” fu tirato in ballo cautamente, solo en passant. Il che rafforza seriamente il sospetto non solo che vi siano vittime di serie A e di serie B, ma che l’impegno contro la violenza di genere, per com’è portato avanti da molti, si basi su un identikit aprioristico del colpevole: il cittadino italiano o, per essere precisi, l’«uomo bianco» (copyright Rula Jebreal). Si spiegherebbe così come mai tra le personalità più impegnate nella prevenzione e nella condanna del “femminicidio” figuri sovente – non serve che faccia nomi – chi è già entusiasta sostenitore dell’accoglienza e della retorica immigrazionista.

Dopodiché è ovvio che la gran parte delle donne uccise da uomini, da noi, abbia un assassino italiano (ma dài) ma il ragionamento, qui, verte su altro: il salvacondotto mediatico di cui godono, a parità di accuse e responsabilità, alcuni e non altri. Un doppiopesismo spiegabile con una miscela di ipocrisia e di politicamente corretto, che se da un lato smaschera l’ennesima contraddizione del femminismo 2.0 – lo stesso che mai ha speso parole contro gli aborti selettivi delle nasciture ree solo di essere femmine, pratica diffusa in diverse comunità straniere in Italia -, dall’altro deve farci riflettere su un’informazione che di fatto, pur non eseguendo ordini (mi risparmierei l’accusa di complottismo, almeno quella), sposa l’agenda politica progressista.

Giuliano Guzzo

*****

«Un passo gigantesco oltre la sociologia» (Tempi)

«Bellissimo libro» (Silvana de Mari, medico e scrittrice)

«Un libro che sfata le mitologie gender» (Radio Vaticana)

«Un’opera di cui ho apprezzato molto l’ironia» (S.E. Mons. Luigi Negri)

«Un lavoro di qualità scientifica eccellente» (Renzo Puccetti, docente di bioetica)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

 

Annunci