«Io sono stata la prima a portare un cane in Parlamento. Sarebbe una rivoluzione candidare un animale nella nostra lista», ha dichiarato nei giorni scorsi Michela Vittoria Brambilla. Ora, dinnanzi a queste dichiarazioni, qualcuno, polemicamente – ma neanche troppo –, potrebbe osservare che l’ultima volta che un politico importante di simpatie animaliste si prese a cuore prima un piccolo randagio («Ero incredibilmente affezionato») poi, anni dopo, un pastore tedesco femmina, che portava alle proprie riunioni e che avvicinò, anch’essa, alla propria dieta vegetariana («In un certo senso la mia cagna è vegetariana»), l’umanità ebbe parecchie grane dal momento che, quel tale, era Adolf Hitler.

Dato che però comprendo, almeno in parte, i perplessi sulla reductio ad Hitlerum, mi limiterò a una considerazione e a una domanda. La considerazione è la seguente: quando Caligola (12-41 d.C.) nominò Incitatus – un cavallo – senatore, lo fece per far capire al Senato che non conta più nulla, non certo quale omaggio a qualsivoglia progresso. Il fatto che ora, invece, taluni considerino rivoluzionario «candidare un animale», lascia supporre che il pur depravato terzo imperatore romano, oggi, passerebbe per un illuminato: il che è tutto dire, rispetto ai tempi che stiamo vivendo. Ma soprattutto, e vengo alla domanda, vi sarebbe davvero qualcosa di innovativo nel «candidare un animale»? E tutti gli asini candidati finora, scusate, che erano?

Giuliano Guzzo

«Un passo gigantesco oltre la sociologia» (Tempi)

«Bellissimo libro» (Silvana de Mari, medico e scrittrice)

«Un libro che sfata le mitologie gender» (Radio Vaticana)

«Un’opera di cui ho apprezzato molto l’ironia» (S.E. Mons. Luigi Negri)

«Un lavoro di qualità scientifica eccellente» (Renzo Puccetti, docente di bioetica)

Ordinalo in libreria oppure acquistalo subito su Amazon

Annunci